Categorie
creazione di moneta

IL COLPO GOBBO DELLA CORTE TEDESCA METTE L’ITALIA SOTTO ATTACCO

Ovviamente c’era da aspettarselo: la Corte costituzionale tedesca si presta al gioco e fornisce un chiaro assist al suo governo al fine di far pressione alla BCE per un drastico ridimensionamento del QE in atto.

La Corte, perentoriamente, e non si sa con quale potere giuridico, poi, ingiunge alla BCE, (che ha sede a Francoforte, forse sarà per quello), di fornire giustificazioni (ai tedeschi) entro tre mesi.

La preoccupazione evidente che sta ossessionando la Germania non è il pagare debiti altrui, cosa, questa, tecnicamente impossibile con le manovre di QE, quanto piuttosto di vedere eroso il proprio vantaggio finanziario, sinora accumulato con l’attuazione delle sue politiche mercantiliste attuate in violazione dei trattati UE ed a danno dei paesi del sud Europa.

Se non stupisce più di tanto la debole reazione conseguente alla decisione della Corte che si è avuta in sede europea, stupisce, invece, e non poco, l’impalpabilità delle reazioni in Italia da parte di chi ha l’onere della guida del paese.

E’ evidente che, da parte della Germania, limitare il QE, dopo aver affossato gli eurobond e spostata al 2021 la discussione sui recovery bond, significa, ne più e ne meno, mettere esplicitamente sotto attacco finanziario il nostro paese e ciò, soprattutto in un momento di grave debolezza come questo non può essere né accettato e né tollerato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.