Categorie
creazione di moneta

L’ipocrisia europea e la mancanza di coraggio

Il coraggio per fare i cambiamenti occorre averlo, sprattutto nei momenti drammatici, come quelli che stiamo vivendo in queste settimane. Momenti determinanti, fra l’altro, anche per il futuro dell’Unione europea.

Le risorse necessarie per fronteggiare questa crisi esistono e si trovano nei forzieri della BCE, la quale, evidentemente, non ha alcuna difficoltà nel creare il denaro che serve. Del resto, tutte le banche centrali possono creare il “denaro dal nulla”.

Una volta creato tale denaro deve essere impiegato nell’acquisto di titoli di stato a tassi molto bassi o nulli, di modo che i “mercati” non potranno iniziare la solita giostra degli spread.

Ovviamente gli stati che percepiscono tali risorse le devono impiegare, necessariamente, per creare valore, ovverosia beni e servizi utili alla collettività.

Tutto ciò, è chiaro, non lo vuole chi detiene il controllo piramidale del sistema monetario, da cui dipende anche la BCE e che attualmente funziona seguendo rigidamente il paradigma del debito, che, a quanto pare, non può e non vuole essere spezzato nemmeno in contesti come questo.

Dall’altra parte vi sono gli stati, che del sistema euro hanno profittato per ralizzare saldi finanziari derivanti da eccedenze di export, in violazione dei trattati. Stati che si oppongono al cambio delle regole del gioco che necessariamente li costringerebbero a cedere una parte di questo vantaggio sinora accumulato a danno dei paesi che ora chiedono aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.